Mi vendo la privacy che non ho

Dare la colpa a Google è una soluzione di comodo. Ci permette di prendere di mira un nemico che sembra degno di essere combattuto. Ma il nemico di questa invasione della privacy dei dati non è il cattivo di un fumetto che possiamo affrontare, mettere in difficoltà e sconfiggere. È una creatura oscura e indefinibile, un mormorio spaventoso e lovecraftiano, impossibile da vedere, tantomeno da toccare e sconfiggere. […] Se non sono i siti web, saranno i prodotti farmaceutici. Se non sono i dati di localizzazione, saranno i beni consumati in famiglia. Se non sono i like e le condivisioni, saranno i rendiconti bancari e i dati demografici. I nostri dati sono ovunque, e da nessuna parte, ed è impossibile sfuggire a loro e alle loro conseguenze.

I nostri dati sono ovunque. Possiamo limitarne l’accesso, ma non smetteremo di usare Google, né Facebook, né il web. È una battaglia impari e già persa, scrive Ian Bogost.

Leggi tutto “Mi vendo la privacy che non ho”

Il web non è Chrome, il web non era Internet Explorer

Thank God they’re over. In 2017, with open standards, there’s literally no reason for proprietary lock-ins, where websites only work on certain browsers and on certain operating systems. This is good because monopolies are almost never good for the end-user. Competition is what makes the web so vibrant and exciting.

Sembra banale, ma pare sia diventato necessario ripeterselo perché alcune piattaforme hanno porzioni dei loro siti non compatibili con browser che non siano Chrome.

Ad un utente che non riusciva a completare una prenotazione con una vecchia versione di Safari, invece che suggerire un aggiornamento del browser, l’help di Airbnb ha consigliato di scaricare Chrome. Jeffrey Yasskin, membro del team di Chrome, ha suggerito che no, per favore no. Poi in Airbnb hanno minimizzato: il sito funziona con tutti i browser, dicono.

Credo che tutto sommato se cose del genere succedono è anche responsabilità di Google Chrome che aggiunge API personalizzate che fanno gola agli sviluppatori e non rispettano gli standard. L’HTML 5 ha oggi tutte le potenzialità per rendere compatibili su tutti i browser le funzionalità di una piattaforma come quella di Airbnb. Per favore, non fateci rimpiangere Internet Explorer 6.