Rinviare è un problema esistenziale

La procrastinazione è uno stato d’animo. Non è un approccio errato al lavoro ma la reazione a una condizione psicofisica negativa indotta da ansia, noia, insicurezza, bassa autostima, frustrazione eccetera. È un problema legato alle emozioni e non alla produttività.

Ed è una cosa irrazionale: rimandiamo al futuro un’attività che dovremmo svolgere come se nel futuro non dovessimo essere noi stessi a completare la stessa attività.

Dr. Hershfield’s research has shown that, on a neural level, we perceive our “future selves” more like strangers than as parts of ourselves. When we procrastinate, parts of our brains actually think that the tasks we’re putting off — and the accompanying negative feelings that await us on the other side — are somebody else’s problem.

Ne scrive, tra altre cose interessanti, Charlotte Lieberman sul New York Times.

Approcci, software e abitudini sono superflui se non ci siamo con la testa: se non ci va di fare una cosa, non facciamola, ma non sentiamocene sconfitti. Trattiamoci con gentilezza. Se il problema è esistenziale, rivalutiamo il problema, riconsideriamolo. Fa’ niente, non affliggiamocene. Auto-compatiamoci. Perdoniamoci.

Io ad esempio ho un blog che non curo. Volevo scriverne ma procrastinavo. Provo ad assolvermi con questo post.

Mi vendo la privacy che non ho

Dare la colpa a Google è una soluzione di comodo. Ci permette di prendere di mira un nemico che sembra degno di essere combattuto. Ma il nemico di questa invasione della privacy dei dati non è il cattivo di un fumetto che possiamo affrontare, mettere in difficoltà e sconfiggere. È una creatura oscura e indefinibile, un mormorio spaventoso e lovecraftiano, impossibile da vedere, tantomeno da toccare e sconfiggere. […] Se non sono i siti web, saranno i prodotti farmaceutici. Se non sono i dati di localizzazione, saranno i beni consumati in famiglia. Se non sono i like e le condivisioni, saranno i rendiconti bancari e i dati demografici. I nostri dati sono ovunque, e da nessuna parte, ed è impossibile sfuggire a loro e alle loro conseguenze.

I nostri dati sono ovunque. Possiamo limitarne l’accesso, ma non smetteremo di usare Google, né Facebook, né il web. È una battaglia impari e già persa, scrive Ian Bogost.

Leggi tutto “Mi vendo la privacy che non ho”