A sbagliare son vitamine

C’era una vignetta, su una t-shirt di quando ero ragazzo, una vignetta sulla quale era disegnato un bradipo, o un animale del genere, disteso sul letto, spanciato, sbracciato, con la lingua di fuori, se non ricordo male, e una gamba pure, che scivolava giù dal letto, e sotto al disegno del bradipo c’era una scritta che diceva di esser pigri, con enfasi, di esser pigri ché se non si fa niente non si fa niente di male. Ne ho fatto un mantra, per un po’.

A non far niente non si fa niente di male, e a far cose si sbaglia, si fanno errori, e gli errori costano reputazione, soldi, compromessi, scuse. Ma a far niente non si cresce, mentre a sbagliare son vitamine. E quando si sbaglia, perché si sbaglia, se si fa, quando si sbaglia sarebbe opportuno alzare la mano, fare un passo avanti, alzare il mento, se si vuol alzare anche il mento, che non è detto che sia necessario, e prendersene la responsabilità. Ho sbagliato, scusate, ma ho fatto.

Certo, ci sono errori ed errori: cose prevedibili, vaccate, porca miseria come hai fatto, e cose che proprio nemmeno la sfera di cristallo; poi ci sono le vie di mezzo. In tutti i casi, che sia stata una vaccata o che sia stato un imprevisto imprevedibile, ma anche in una via di mezzo, in tutti i casi in cui non sei stato un bradipo, o un animale del genere, e hai fatto e hai sbagliato, crucciati. Crucciati che a dirti di non farlo offendo la tua intelligenza, fallo pure ma non fermarti: correggi. Alza il mento, se vuoi alzare il mento, fai ammenda e correggi.

Che se c’è una cosa che in un’azienda vien premiata è l’assunzione di responsabilità. E quindi, per paradosso, gli errori corretti.