Chances

Quando gioco con mia figlia succede spesso che quando perde, per esempio quando giochiamo a lanciare una trottola e la fa cadere subito, che gira nemmeno un poco, succede che io le dica che era una prova, che quello non era mica un tiro valido per la partita, e che ora, adesso sì, è la volta buona, il tiro ufficiale, quello definitivo, che deve concentrarsi. E lei si concentra.

Succede quindi che io, a mia figlia, mi piace darle una seconda possibilità, quando giochiamo. Mi piace che capisca che si può averne, che però non è sempre gratis, che a volte vince anche papà, ma che in linea di principio niente vien perso per sempre al primo lancio. A mia figlia però piace vincere, e spero che l’insegnamento restituisca i suoi frutti più in avanti, che per adesso se perde mi mette il broncio.

Ma anche quando a lavoro, che capita che uno sbaglia che ha perso, che si è giocato la partita e se l’è giocata male, succede che mi piace l’idea di farlo lanciare di nuovo, di dirgli che era una prova e che adesso, sul serio, ha una seconda occasione, che deve concentrarsi. Perché una scivolata, un dentino sul pavimento o il terreno sconnesso, capita a tutti.

La differenza, tra mia figlia e uno che sbaglia e che perde e che ha una seconda possibilità, la differenza è che a mia figlia non glielo dico, che è l’ultima.

E quindi sono dell’idea che tirare di nuovo la trottola, quando la vita ti fa scivolare la puntina di ferro e ti sbanda, che rialzarti e lanciarti ancora una volta è un’occasione che non puoi sprecare. Un momento di crescita, oltre che di riscatto. La possibilità definitiva: se cadi ancora perdi sul serio, non puoi riavvolgerne più, di corda. Quindi ti devi concentrare, se vuoi vincere, come fa mia figlia.

Se dopo, se sbandi ancora, se non sai cogliere l’opportunità, se succede di nuovo: pazienza, cambierai gioco, che questa volta ha vinto papà.

Il confine

Io non lo so, se sono fortunato ad andare a lavoro. Cioè io, per raggiungere il luogo di lavoro, io percorro 8 o 800 km a settimane alterne. Ci sono giorni, quindi, che in dieci minuti son già coi piedi sotto la scrivania e giorni, invece, che faccio almeno sei ore tra auto, e treno, e taxi, e gambe. In entrambi i casi, pensavo, non rientro nel tempo ideale per raggiungere l’ufficio. Perché dice che c’è, un tempo ideale: 16 minuti tra casa e lavoro. E io sto o a un po’ meno o a troppo in più.

I 16 minuti, o i pochi di meno, o i molti di più, servono per defaticare, per stare da soli con se stessi, per pensare, per cambiare la propria modalità di vita, per disattivare l’interruttore delle cose di casa, o di ufficio, per cambiare la propria personalità. E poi servono a sentire i podcast, o la radio, o a leggere in treno, o a chiamare la mamma. 16 minuti che a casa, se lavori da casa, non ce li hai per andare a lavoro. Perché se casa tua è una casa normale, come la mia, a lavorare da casa non ci stanno 16 minuti di tragitto. Poi però magari c’hai la casa grande.

E quindi, ecco, quindi pensavo, lo smart working, per lavorare bene, funziona? Se hai una casa normale, dico, lavorare e mangiare e dormire e giocare con la bimba, se c’è l’hai, una bimba, e cambiare la sabbia al gatto, se c’è l’hai, un gatto, e fare l’amore, se lo fai, insomma, ci siamo capiti, e fare tutte queste cose insieme e farne anche altre nello stesso posto che non li hai i 16 minuti per raggiungere la tua scrivania, se hai una casa normale, conviene lo smart working? Secondo me no.

Pure perché a lavoro, secondo me, non ci vai solo a lavorare. E non ci vai nemmeno solo per raggiungere il posto di lavoro. Ci vai a prendere il caffè coi colleghi, pure con quelli che ti stanno sul ginocchio, ci vai a prenderti le soddisfazioni, pure, ci vai a tirar giù le bestemmie, se sei di quelli, ci vai a raggiungere degli obiettivi, e ci vai anche a fare defamiliamento.

Ci vai, insomma, perché ti conviene, forse, metterci una barriera tra la tua vita lavorativa e la tua vita vita, quella che ti togli le scarpe e mangi e dormi e giochi con la bimba, se, e cambi la sabbia al gatto, se, e ci fai l’amore, se, ma che non ci lavori.

Gail Sheehy ha scritto a proposito della “doppia vita del pendolare” per il New York Magazine nel 1968, tracciando un profilo delle specifiche personalità a bordo dei treni delle ore 5.25, 6.02 e 9.57 in partenza dalla Grand central station: “Si ha la sensazione molto forte di due vite che trovano nel treno una sorta di ponte”. La distanza tra queste due vite è stata studiata in un insieme di ricerche genericamente conosciuto come “teoria del confine”. È forse qui che apprezziamo la funzione più importante del pendolarismo.

E quindi non è che io sono contro il telelavoro, ma non lo trovo poi così intelligente se, tra il gioco e la sabbia e l’amore, se, finisce che lavori fino a notte e poi dopo cena son già di nuovo le nove di mattina. E ti siedi di nuovo alla scrivania senza farli, i 16 minuti. E senza i podcast, la radio, il libro o la mamma.

A sbagliare son vitamine

C’era una vignetta, su una t-shirt di quando ero ragazzo, una vignetta sulla quale era disegnato un bradipo, o un animale del genere, disteso sul letto, spanciato, sbracciato, con la lingua di fuori, se non ricordo male, e una gamba pure, che scivolava giù dal letto, e sotto al disegno del bradipo c’era una scritta che diceva di esser pigri, con enfasi, di esser pigri ché se non si fa niente non si fa niente di male. Ne ho fatto un mantra, per un po’.

A non far niente non si fa niente di male, e a far cose si sbaglia, si fanno errori, e gli errori costano reputazione, soldi, compromessi, scuse. Ma a far niente non si cresce, mentre a sbagliare son vitamine. E quando si sbaglia, perché si sbaglia, se si fa, quando si sbaglia sarebbe opportuno alzare la mano, fare un passo avanti, alzare il mento, se si vuol alzare anche il mento, che non è detto che sia necessario, e prendersene la responsabilità. Ho sbagliato, scusate, ma ho fatto.

Certo, ci sono errori ed errori: cose prevedibili, vaccate, porca miseria come hai fatto, e cose che proprio nemmeno la sfera di cristallo; poi ci sono le vie di mezzo. In tutti i casi, che sia stata una vaccata o che sia stato un imprevisto imprevedibile, ma anche in una via di mezzo, in tutti i casi in cui non sei stato un bradipo, o un animale del genere, e hai fatto e hai sbagliato, crucciati. Crucciati che a dirti di non farlo offendo la tua intelligenza, fallo pure ma non fermarti: correggi. Alza il mento, se vuoi alzare il mento, fai ammenda e correggi.

Che se c’è una cosa che in un’azienda vien premiata è l’assunzione di responsabilità. E quindi, per paradosso, gli errori corretti.

Coso

Conoscevo uno, un amico, un adulatore, uno che gli piaceva far piacere, uno che salutava con un sorriso, con una battuta, con un complimento, che si scherniva, pur di far piacere, che si faceva piccolo, per adulare. Uno finto, glielo leggevi in faccia, che era finto. Uno che però piaceva, perché i sorrisi, e le battute, e i complimenti, e il sentirsi migliori dell’interlocutore, il sentirsi più grandi, sono cose che fanno piacere, ti migliorano la conversazione, ti fanno sentire meglio, anche se non erano veri, quei sorrisi, quei complimenti, quello schernirsi. Era fascinoso, ma non era sincero. Non era nemmeno un amico, a pensarci bene. Era uno superfluo.

Mi è venuto in mente lui mentre leggevo un libro di Paolo Nori che racconta la vita di Dostoevskij, tra le altre cose, che mi ha fatto venire una gran voglia di leggerlo, Dostoevskij. Ma a parte questo, che non è poco, leggere Dostoevskij prima o poi, magari, a parte questo c’era una citazione, una cosa che diceva Dostoevskij in Delitto e castigo, che diceva un suo personaggio, Svidrigajlov, e che diceva Nori, citandolo nel libro. Diceva

[…] che non c’è niente di più difficile che la franchezza e niente di più facile dell’adulazione. E che se nella franchezza c’è anche solo un centesimo di nota che suona falso, si avverte subito una stonatura, e ne viene fuori una scenata. Mentre l’adulazione, anche se è tutto falso, sino all’ultima nota, riesce comunque sempre gradita, e la si ascolta non senza piacere; sarà pure un piacere grossolano, ma è pur sempre un piacere […].

Quant’è vero, ho pensato. E certo che è vero, mi son poi detto, l’ha scritto Dostoevskij, l’ha scritto. Mica coso.

Intanto decidi

Reagire adeguatamente a una situazione è una caratteristica umana e saper valutare le conseguenze di una reazione sproporzionata è fondamentale.

Luca Sofri, partendo dai fatti di Voghera e concentrandosi sui giornali, lo racconta in maniera splendida.

Prendo, e lo faccio in punta di piedi, in prestito il ragionamento e lo amplio, lo applico a ogni contesto lavorativo, più o meno importante che sia, e lo stendo sul mio trascorso professionale per farne esperienza: bisogna saper decidere.

Bisogna imparare a discernere una scelta corretta da una sbagliata, portare e portarsi verso la direzione migliore. Bisogna saper pesare le scelte, imparare a farlo, e provare a centrare quella gusta. Bisogna allenarsi a farlo nel tempo opportuno, a maggior ragione se c’è fretta. Bisogna trovare il modo per limitare gli errori, livellare verso il basso le conseguenze negative, o evitare quelle esagerate, o valutarle e anticiparne la gestione, quanto meno. Poi c’è l’errore, c’è l’eccezionale, quella resta, quella capita, fa parte del gioco, che se te ne scappa una succede, pazienza. Intanto però decidi.

“Il lavoro dei giornali è dare le notizie”, si dice spesso dai giornali per giustificare scelte che vengono spesso criticate. È vero ed è ovvio insieme: è come dire che il lavoro del lattaio è vendere il latte, e trascurare se il latte sia scaduto o se vi abbia dato il resto sbagliato. È come dire che il lavoro dell’architetto è fare le case se la casa è crollata. Eccetera. Il lavoro dei giornali è decidere quali siano le notizie e decidere come raccontarle.

Adesso state fermi

Io non lo so se voi sapete vagliare in autonomia le fonti di informazione o se cascate come pere cotte su qualsiasi bufala lèggiate, non lo so mica, voi sì. E non lo so se sapete che i social network, tutti i social network, anche quelli dove ci mandiamo solo i messaggini e non c’è pubblicità, anche quelli, tutti sono progettati per massimizzare la redditività delle aziende che li gestiscono, non per il nostro benessere, non lo so mica se lo sapete, se ne siete consapevoli. E non lo so se sapete che non è colpa di Internet, che Internet ha accelerato il processo, ma che già prima non stavamo messi poi granché meglio, e che le conseguenze di questi comportamenti collettivi, queste modalità di vivere le reti sociali, non lo so se lo sapete, sono gravi, sono manomissioni elettorali, sono malattie, sono carestie, razzismo ed estremismo violento sono. Sono conflitti. Ecco, lo sapete da voi ciò che sapete, io non lo so, ma so che siamo sull’orlo del baratro, e che qui si scivola forte. Perciò adesso state fermi.

[…] stiamo scaricando i nostri processi evoluti di raccolta di informazioni sugli algoritmi, sebbene questi algoritmi siano in genere progettati per massimizzare la redditività, con incentivi spesso insufficienti a promuovere una società informata, giusta, sana e sostenibile

Il Post sulla ricerca.

Porsi il problema

Il Garante per la protezione dei dati personali ha bloccato l’utilizzo di SARI (Sistema Automatico di Riconoscimento Immagini) Real Time, un sistema di riconoscimento facciale in forza alla Polizia di Stato e capace di riconoscere i dati biometrici di una persona confrontandoli con un vasto database posseduto dalle forze dell’ordine. Si applicherebbe un trattamento automatizzato su larga scala non autorizzato: conclusione legittima, oltre che scontata.

[…] Si determinerebbe così una evoluzione della natura stessa dell’attività di sorveglianza, che segnerebbe un passaggio dalla sorveglianza mirata di alcuni individui alla possibilità di sorveglianza universale.

Ogni giorno nello sviluppare software o nell’assistere l’infrastruttura server, nel monitorare la connettività, lo storage o il funzionamento dei sistemi, nel manipolare o gestire le enormi moli di dati che ci passano sotto al naso, ci poniamo dubbi a garanzia della tutela dell’utente, ci arrovelliamo nella ricerca di soluzioni che pongono grossi limiti al nostro operato ma che contestualmente assicurano il rispetto dell’identità, delle comunicazioni e dei documenti dei clienti che trattiamo, prendendocene la totale responsabilità.

Al Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno evidentemente nessuno si è posto il problema.

Un buon programmatore è elegante e conciso

All’epoca le capacità della maggior parte dei computer erano molto limitate. La memoria dell’Ibm 704 poteva contenere solo quattromila parole. Un buon programmatore era elegante e conciso, non usava mai una parola di troppo. Erano poeti dei bit. “Era come lavorare con una serie di rompicapi logici”, racconta Wilkes. “Sono ancora molto pignola e precisa. Fino all’eccesso. Noto ogni minimo dettaglio”.

Al di là dell’importante apporto che questo articolo di Internazionale aggiunge alla ricostruzione del ruolo femminile nella storia dell’informatica, uno dei passaggi della Wilkes che mi è capitato di evidenziare è questo legato alla puntigliosità con cui, per la scarsità delle risorse e il prestigio del lavoro, veniva scritto il codice.

Oggi le risorse abbondano, scrivere codice è infinitamente più semplice – in rapporto alle complessità delle tecnologie per le quali si sta sviluppando – e di guide, framework e stralci di codice che fanno già le cose che bisognerebbe programmare per farle ne è pieno il web. Scrivere codice gustoso, asciutto e raffinato nelle soluzioni non può essere solo il vezzo di qualche informatico fobico, è una caratteristica che bisognerebbe pesare correttamente nella selezione e valutazione di progetti e sviluppatori. Oggi non succede a sufficienza.