Blog significa condividere

Lo stile, la modalità di scrittura, i temi che ho trattato durante gli ultimi più o meno recenti post di questo blog mi hanno costretto a una gabbia dalla quale non mi è facile uscire: mi sono divertito e ancora mi diverte scrivere con un ritmo che canzona la voce parlata1, ma questa forma mi ha portato ad accumulare tante bozze che non ho mai pubblicato e che forse mai pubblicherò a causa del tempo, dell’approfondimento che manca o del disinteresse sovraggiunto.

Ho deciso quindi di segnare un cambio di passo per questo blog.

Questo non significa che pubblicherò di più, o almeno non è detto, né che pubblicherò meglio, e nemmeno questo è detto: significa che tenderò a pubblicare tutti i link, le citazioni, gli spunti che mi trovo ad accumulare nelle mie note e che non ho mai postato, dare un posto al materiale che non avrebbe posto altrimenti e dare più spazio a riflessioni senza i paletti di una forma che, non avendone carattere né peso, mi limita.

Questo significa condividere.


  1. Ispirazione fatta malissimo della scrittura non convenzionale con cui Paolo Nori mi affascina nei suoi libri.
Topic Tag