Porsi il problema

Il Garante per la protezione dei dati personali ha bloccato l’utilizzo di SARI (Sistema Automatico di Riconoscimento Immagini) Real Time, un sistema di riconoscimento facciale in forza alla Polizia di Stato e capace di riconoscere i dati biometrici di una persona confrontandoli con un vasto database posseduto dalle forze dell’ordine. Si applicherebbe un trattamento automatizzato su larga scala non autorizzato: conclusione legittima, oltre che scontata.

[…] Si determinerebbe così una evoluzione della natura stessa dell’attività di sorveglianza, che segnerebbe un passaggio dalla sorveglianza mirata di alcuni individui alla possibilità di sorveglianza universale.

Ogni giorno nello sviluppare software o nell’assistere l’infrastruttura server, nel monitorare la connettività, lo storage o il funzionamento dei sistemi, nel manipolare o gestire le enormi moli di dati che ci passano sotto al naso, ci poniamo dubbi a garanzia della tutela dell’utente, ci arrovelliamo nella ricerca di soluzioni che pongono grossi limiti al nostro operato ma che contestualmente assicurano il rispetto dell’identità, delle comunicazioni e dei documenti dei clienti che trattiamo, prendendocene la totale responsabilità.

Al Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno evidentemente nessuno si è posto il problema.

Topic Tag ,