Salta al contenuto principale
  1. Posts/

Pretese #06

·300 parole·2 minuti

Underline #

Sulla nota di Schmidt, direttore degli Uffizi, ai dipendenti sulla scrittura delle email sono in linea tranne per questo aspetto: il sottolineato non si usa, significa link, è poco funzionale e non accessibile. Bene ma però.

Riders #

274 mila persone in Italia considerano il lavoro di rider per le piattaforme di food delivery il proprio lavoro principale. Vengono pagati a cottimo, mediamente 10 €/h e il tempo di attesa non viene conteggiato. Incentivi solo per turni festivi, notturni, meteo sfavorevole o nuove zone da coprire. Niente ferie, niente malattie.

Il lavoro dei rider è drammatico.

Siamo pieni di errori #

Letizia Pezzali sui figli, pubblicato su Domani (da leggere con 12ft.io).

Questi nostri figli ancora minuscoli che sanno tutto di Putin e di Zelensky, ma che poi non hanno mai voglia di allacciarsi le scarpe. Che vogliono vedere un film da grandi, ma che si dimenticano sempre i guanti a casa. O il berretto. Sono cresciuti? Sono ancora piccoli? Di certo sono pieni di errori, e noi siamo pieni di errori. Forse il senso della vita […] è nell’accumulo di tutti questi errori. Il senso della vita sono le inesattezze. Le incomprensioni e i pasticci sono la materia prima. Sono la materia e basta, il resto non è. Godiamoci la gita.

Cose drammatiche #

Ho visto Inside Man su Netflix. Una serie piccola, quattro episodi di pura ansia, di cose drammatiche che possono accadere a chiunque, prete compreso. Fantastica.

#Pretese è una serie che raccoglie brevi post provenienti da toot che ho pubblicato su Mastodon, dove ho deciso di configurare la rimozione automatica dei miei contenuti entro novanta giorni. Sono, generalmente, articoli interessanti o considerazioni di cui ho piacere che resti traccia a mo' di promemoria, per riflessioni da approfondire in futuro o per produrne ulteriore discussione.